Crediti immagine: Luca Florio Via Unsplash

Bandiere Blu, sono 21 i laghi premiati

Lo stivale da solo raggiunge l’11% del totale delle spiagge premiate a livello mondiale, con le bandiere per i laghi che salgono a quota 21.

La Fondazione FEE Italia, costituita nel 1987 e costola dell’associazione nata in Danimarca (Foundation for Environmental Education), ogni anno gestisce il programma che riconosce la Bandiera Blu alle località migliori per acqua, servizi e sostenibilità, sia a livello marino che lacustre.

Bandiere Blu, un riconoscimento internazionale

Il Programma Bandiera Blu è un’Eco-label internazionale usata per la certificazione della qualità ambientale delle località rivierasche; riconosciuta in tutto il mondo, sia da turisti che da operatori del settore, lavora con l’obiettivo di promuovere, nei comuni interessati, una gestione sostenibile del territorio, attraverso una serie di scelte che mettono, alla base delle politiche, l’attenzione e la cura per l’ambiente.

Sono 226 i comuni coinvolti, per un totale di 458 spiagge, mentre le Bandiere sui laghi salgono a quota 21, con 4 nuove entrate.

I criteri di assegnazione delle Bandiere Blu

Si inizia con due valutazioni per determinare l’assegnazione delle bandiere:

  • assoluta validità delle acque di balneazione secondo regole più restrittive di quelle previste dalla normativa nazionale sulla balneazione (solo quelle classificate come “eccellenti” negli ultimi quattro anni);
  • regolari campionamenti delle acque effettuati nel corso della stagione estiva

 

In seguito, superate queste prerogative, ritenute imprescindibili, si può prosegue con le successive valutazioni:

  • efficienza della depurazione delle acque reflue e della rete fognaria allacciata almeno all’80% su tutto il territorio comunale;
  • raccolta differenziata, corretta gestione dei rifiuti pericolosi;
  • vaste aree pedonali, piste ciclabili, arredo urbano curato, aree verdi;
  • spiagge dotate di tutti i servizi e di personale addetto al salvamento, accessibilità per tutti (abbattimento delle barriere architettoniche);
  • ampio spazio dedicato ai corsi d’educazione ambientale, rivolti in particolare alle scuole e ai giovani, ai turisti e residenti;
  • diffusione dell’informazione su Bandiera blu, pubblicazione dei dati sulle acque di balneazione;
  • strutture alberghiere, servizi d’utilità pubblica sanitaria, informazioni turistiche, segnaletica aggiornata;
  • certificazione ambientale e/o delle procedure delle attività istituzionali e delle strutture turistiche presenti sul territorio comunale;
  • presenza d’attività di pesca ben inserita nel contesto della località marina.

I laghi Bandiere Blu

Due dei nuovi lidi sono piemontesi, Verbania sul Lago Maggiore e San Maurizio d’Opaglio sul Lago d’Orta, che portano a cinque i comuni totali della regione, insieme a Cannobio, Cannero Riviera e Gozzano.

Ci sono poi Roncone e Idro, nella Valle delle Chiese, tra le Dolomiti, che confermano anche quest’anno la loro presenza nella lista.

Altra presenza sempre costante è il Lago di Garda, che sul versante lombardo si aggiudica gli approdi di ToscolanoMaderno, Gardone Riviera e Sirmione, tutte mete ormai più che confermate a livello turistico.

C’è poi il Lago di Caldonazzo, nella Valsugana, con quattro località riconosciute, dove è anche possibile praticare sci nautico nei diversi stabilimenti attrezzati.

Confermato anche il riconoscimento al Lago di Bracciano, a pochi chilometri da Roma, che con Trevignano Romano riesce a conquistarsi anche quest’anno il riconoscimento per un turismo di qualità.

Parametro confermato anche quest’anno è l’impegno sociale e inclusivo presente nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Per promuovere il lavoro in questa direzione, è stata coinvolta la Fondazione Dynamo Camp, importante realtà italiana che offre gratuitamente mirati programmi di terapia creativa rivolti a bambini e adolescenti (incluso il sostegno ai familiari) in terapia, con malattia croniche o nel periodo di post-ospedalizzazione.



ULTIME NOTIZIE

Pensato dal regista Fisher Stevens, vede come voce narrante Leonardo Di Caprio, attore che da anni si batte per la tutela e la salvaguardia del Pianeta. 

Nel film Di Caprio si trova a discutere con importanti personalità riguardo alla crisi climatica che da anni affligge la nostra Terra. L’attore diventa quindi testimone e voce di un cambiamento che in tanti vogliono, un cambiamento necessario se non vogliamo essere vittime di un disastro ambientale senza pari.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
1 Comment
Il più vecchio
Il più recente Il più votato
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Giornata Mondiale dell'Ambiente 2023
8 mesi fa

[…] 5 Giugno 2023 0 […]