2022: AL VIA IL CENSIMENTO DEI GHIACCIAI DEL PAKISTAN CON IL SOSTEGNO DEL MINISTERO DEGLI ESTERI ITALIANO

Sono 5350 i ghiacciai del Pakistan, la più grande riserva d’acqua dolce dell’Asia, e il nostro Ministero degli Esteri tramite l’Agenzia per la Cooperazione, da inizio 2022 ne sosterrà il censimento e lo studio. Il progetto Glaciers and Students, infatti, è stato affidato per la realizzazione all’agenzia delle Nazioni Unite UNDP, in collaborazione con EvK2Pakistan, organizzazione che da altre 30 anni opera in campo scientifico e della cooperazione allo sviluppo insieme ad alcune Università italiane tra le quali quella di Milano e di Cagliari. Sarà implementato con il contributo delle due Università locali, la Internazional Karakorum e la Baltistan University, dei docenti che hanno voluto il “Glaciology Center” inaugurato oggi e il supporto e dei loro studenti che raccoglieranno dati e informazione su alcuni “ghiacciai spia”.

Quel che s’è detto alla COP26, e riguardo la cooperazione multilaterale, in questo caso non sono solo parole o enunciazioni , ma è realtà, fatta di conoscenza e capacità di reazione e adattamento ai cambiamenti climatici, in una regione particolarmente sensibile, dove i ghiacciai e l’acqua che rilasciano sono fondamentali elementi di sviluppo per centinaia di milioni di persone.

Il Gilgit-Baltistan, il cui cuore montuoso è formato da Hindu-Kush, Himalaya e Karakorum ed ha idealmente al suo vertice il K2, con l’aiuto dell’Italia vuol diventare una Regione interamente protetta (87.000 kmq), avendo già ora una copertura del 38% di aree naturali salvaguardate.
Il 2022-Anno Internazionale della Sostenibilità delle Montagne, proclamato a metà dicembre dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con il sostegno anche dell’Italia, sarà una ulteriore stimolo per questa regione, tradizionalmente legata agli italiani, per realizzare l’ambizioso progetto GB Vision 20/30.